1.jpg10.jpg11.jpg12.jpg13.jpg2.jpg3.jpg4.jpg5.jpg6.jpg7a.jpg8.jpg9.jpg

AZERBAIJAN MILLENARIO

 

 

 

1 giorno -  ITALIA /BAKU

Partenza dall’Italia con voli di linea. Arrivo a Baku e trasferimento in albergo. Sistemazione e pernottamento.

  

2 giorno -  BAKU

Prima colazione in albergo. Giornata dedicata alla visita di alcuni punti significativi della Capitale azera; si inizia dal Vicolo del Martiri,  situato sulle pendici più alte della parte ovest della città; questo è il posto migliore per una panoramica sull’intera città e sulla sua baia. Quindi scenderemo nel centro storico di Baku, nella sua Città Vecchia 'Icheri Sheher' con i suoi stretti vicoli, i caravanserragli storici, le moschee ed il Palazzo della dinastia Shirvan Shah, patroni dell'ordine religioso Helwati Sufi e Khalilullah I. Visita quindi della Torre della Vergine del XII secolo e degli imponenti palazzi dei baroni del petrolio, costruiti nel boom petrolifero tra il 1870 ed il1914.  La splendida vista di tutta la baia di Baku si apre dalla cima della torre. Pranzo in ristorante. Rientro in albergo e pernottamento.

 

3 giorno -  BAKU E LA MONTAGNA DEL FUOCO

Prima colazione in albergo. Mattino dedicato alla visita guidata dell' antico tempio zoroastriano Ateshgah, situato a circa 30 km dal centro di Baku nel sobborgo di Surakhany, il nome è di origine persiana e può essere tradotto come Casa del Fuoco. Insieme a Yanar Daĝ, la “montagna di fuoco”, si tratta della principale attrazione turistica della penisola ed è un antico luogo di culto; è uno dei siti archeologici più importanti e meglio conservati di tutto il paese e la sua storia ne fa sicuramente un luogo pieno di fascino. Di sicuro il luogo venne venerato per secoli dai seguaci dello Zoroastrismo, religione che considerava il fuoco un elemento sacro. Pranzo in ristorante.

Nella seconda parte della visita, dopo aver visitato il tempio, ci rechiamo allo Yanar Dag, non lontano dal tempio di Surakhani. È’ il luogo turistico più famoso e popolare della "fiamma eterna" in Azerbaigian. In realtà è piuttosto una collina con gas naturale che brucia sul suo pendio dai tempi antichi. Secondo una leggenda, la fiamma di Yanar Dag fu accidentalmente accesa da un pastore negli anni '50. Visiteremo quindi la Fortezza che, in epoca medievale, faceva parte del sistema di difesa della penisola e la Moschea di Amirjan. Rientro in albergo a Baku e pernottamento.

 

4 giorno - BAKU/SHEKI

Prima colazione in albergo. Partenza per Shamakhi attraverso splendidi paesaggi. Sulla strada tra Baku e Shamakhi facciamo una breve sosta per la visita al paese di Maraza, conosciuto per il suo monumento,  la Moschea-Mausoleo Diri-Baba del XV secolo. Sosta quindi a Shamakhi; la sua storia avrebbe 'inizio nel V secolo aC. Tra il IX ed il XVI secolo fu anche capitale dell'impero Shirvan e residenza della Dinastia Shirvan. E’ considerata una delle più belle città d'Oriente. A metà del XVIII secolo fu il principale centro del Khanato Shamakhi. Il principale sito storico della città è la Fortezza Gulistan (XI-XII secolo) che fu anche l’ultimo rifugio della dinastia Shirvan e che fu costruita per la difesa della città. Altrettanto interessanti sono il mausoleo di Addy-Gyumbez con numerosi luoghi di sepoltura dei governatori Shamakhi e la moschea-cattedrale Djuma. Attualmente è centro principale per la tessitura di tappeti e per la produzione di vino. Pranzo lungo il tragitto. Prima di arrivare nella storica città di Sheki, visiteremo anche il villaggio di Lahij, centro di produzione dell’artigianato azerbaigiano. Arrivo a Sheki, sistemazione in albergo e pernottamento.

 

5 giorno -  SHEKI E KISH

Prima colazione in albergo. Mattino dedicato alla visita di Sheki, una delle più antiche città dell'Azerbaigian. Sheki è giustamente considerata la riserva architettonica del paese. Di particolare interesse per i turisti, provenienti da tutto il mondo, è il Palazzo di Sheki Khan (1762), un raro esempio di combinazione delle tradizioni architettoniche nazionali. Il vetro adoperato per la realizzazione dello shebeke (mosaico nazionale) è stato portato da Venezia. Ci sono molti altri monumenti storici interessanti in questa antica città: le rovine della inespugnabile Fortezza, datato XV-XVIII secolo, e due caravanserragli ancora oggi visibili; l'Upper e il Lower, entrambi costruiti nel XVIII secolo. Visiteremo poi una pasticceria locale per vedere la produzione, e la degustazione, della Pakhlava, un tipico e famoso dolce Azero. Pranzo in ristorante. Al pomeriggio ci sposteremo in campagna, nel villaggio di Kish, per la visita della chiesa di San Elishe la più antica del Caucaso (risalente al primo secolo d.C) e per una passeggiata ai piedi dei monti circostanti. Rientro a Sheki e pernottamento.

 

6 giorno -  SHEKI/GANJA/BAKU

Prima colazione in albergo. Lasciamo Sheki per il rientro a Baku ma faremo prima sosta per visitare la principale città storica e architettonica del Paese, Ganja. E’ la seconda città più grande dell’Azerbaijan, un monumento della cultura antica e centro industriale dell'Iserbianga occidentale. Città con una storia che risale al 494 a.C. (nel 2013 Ganja ha celebrato il 2507 anniversario della sua nascita) di grande interesse per tutti i turisti. Visiteremo anche la moschea di Shah Abbas, la Chiesa Ortodossa e la "Bottle House", decorata con 50.000 bottiglie di vetro frutto del lavoro, nel 1966, di un residente della città. La casa, insolita, è stata per molti anni una vera attrazione. Pranzo in ristorante. Arrivo a Baku nel tardo pomeriggio e sistemazione in albergo. Pernottamento.

 

7 giorno -   BAKU E GOBUSTAN

Prima colazione in albergo. Il mattino è dedicato alla visita della Riserva di Gobustan. Situata a circa 65 km dalla capitale, su una superficie di 537 ettari, si trova una delle più grandi ed antiche collezioni al mondo di incisioni rupestri, dichiarata nel 2007 patrimonio mondiale dell'UNESCO. Nella Riserva Gobustan si possono ammirare antichi insediamenti, i resti del preistorico Stone Circle ed altri reperti dell'età della pietra della regione. I Petroglifi di Gobustan sono stati più volte esaminati dal famoso esploratore norvegese Thor Heyerdahl, che ha ritrovato le più antiche immagini conosciute al mondo della piroga. Di particolare interesse è anche una lastra di pietra con una iscrizione latina datata primo secolo. Il manufatto in pietra sarebbe stato lasciato infatti qui dalla XIIa Legione Romana dell'imperatore Domiziano, probabilmente durante la campagna di sostegno ai Regni di Iberia e Albània nel 75 d.C. Rientro in città e pranzo in ristorante. Pomeriggio libero per visite individuali. Pernottamento.

 

8 giorno -  BAKU/ITALIA

Prima colazione in albergo. Trasferimento in aeroporto con bus privato e partenza per il rientro in Italia con voli di linea.